I costi standard del personale

I costi standard del personale

Come anticipato in un precedente articolo, con il Decreto del 24 gennaio 2018, il MIUR ha emanato una direttiva di semplificazione in materia di costi a valere sui programmi operativi FESR 2014-2020 che prevede delle tabelle dei costi standard unitari per le spese del personale dei progetti di ricerca e sviluppo sperimentale. Nello specifico, il personale aziendale e universitario (o di altri Organismi di Ricerca) viene suddiviso in 3 categorie e, a seconda della categoria, è già definito un costo standard calcolato sulla base di analisi storiche.

Lo scopo dell’applicazione delle opzioni semplificate in materia di costi deriva dall’esigenza di semplificare i processi amministrativi riducendo gli oneri burocratici sia per le imprese sia per gli enti con notevoli vantaggi per tutti gli attori coinvolti (accelerazione dei processi di certificazione delle spese rendicontate, facilitazione di accesso ai fondi, semplificazione delle modalità di rendicontazione delle spese… solo per citarne alcuni).

L’obiettivo finale è stato quello di avere una metodologia comune condivisa da MIUR, MISE e Unione Europea. Lo studio che ha portato alla definizione dei costi standard è stato implementato in due step:

  1. Un’attività preliminare di raccolta di informazioni e di dati da:
    1. Fonti bibliografiche, anche tramite l’acquisizione dei precedenti studi in materia effettuati da Regione Lombardia e Regione Piemonte.
    2. Dati storici relativi ai beneficiari di progetti finanziati. In tal caso sono stati applicati i seguenti criteri per arrivare al campione definitivo:
      1. Operazioni rendicontate in modalità elettronica/strutturata
      2. Operazioni relativi a progetti di R&S
      3. Operazioni relative a costi di personale dipendente
      4. Operazioni verificate dai controlli di primo livello
      5. Operazioni non stralciate in sede di verifica
    3. Dati estratti dai principali CCNL
  2. Un’attività di elaborazione del metodo di calcolo nella quale:
    1. sono state effettuate delle operazioni di scrematura del campione, di indicizzazione del costo orario delle serie storiche al 2016 e di analisi dei dati dal quale sono derivati i 3 livelli basso, medio alto.
    2. è stato validato il campione finale, ed infine
    3. è stato calcolato il costo orario standard dopo opportune elaborazioni e l’applicazione di determinati parametri.

Le tabelle derivanti da utilizzare per la rendicontazione delle spese di personale dei progetti di ricerca, sviluppo e innovazione per le iniziative finanziate con risorse a valere sul FESR sono i seguenti:

IMPRESE

Alto (dirigenti): 75 €

Medio (quadri): 43€

Basso (impiegati e operai): 27€

UNIVERSITA’

Alto (professore ordinario): 73 €

Medio (professore associato): 48€

Basso (ricercatore/tecnico amministrativo): 31€

EPR

Alto (dirigente di ricerca, tecnologo 1 e 2 livello, primo ricercatore): 55 €

Medio (ricercatore e tecnologo 3 livello): 33€

Basso (ricercatore e tecnologo dal 4 al 7 livello, collaboratori): 29€

Silvia Marvulli

Laureata in Ingegneria Gestionale al Politecnico di Milano, inizia il suo percorso professionale nel 2006 come ricercatrice per l'Istituto di Tecnologie Industriali e Automazione del CNR dove collabora e partecipa a diversi progetti europei. Nel 2010 diventa consulente in ambito finanza agevolata occupandosi di scouting delle opportunità di finanziamento di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, predisposizione delle proposte progettuali, rendicontazione e gestione dei progetti fino alla loro conclusione. Nel 2016 consegue un Master in Europrogettazione presso la Venice International University.

More Posts

Follow Me:
TwitterLinkedIn

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.